Da una vita di solitudine alla gioia ritrovata: la storia di Valentine

Questa è la storia di Valentine, una bambina ruandese di 5 anni nata con la labioschisi, che è stata operata all’inizio di novembre in Ruanda.


Valentine ha 5 anni, è la più piccola di tre fratelli ed è nata con la labioschisi.

Lei e la sua famiglia vivono nella zona settentrionale del Ruanda, in condizioni molto modeste.

A causa della malformazione con cui è nata ha vissuto i primi cinque anni della sua vita in solitudine trovando nella sua famiglia l’unico rifugio sicuro.

Quando lei e suo papà Jean sono arrivati allo University Teaching Hospital di Kigali, la capitale del Paese, hanno subito chiarito che il loro più grande cruccio fosse l’isolamento al quale la piccola era costretta a vivere a causa delle vessazioni dei coetanei.

“Gli altri bambini le danno fastidio – ha raccontato papà Jean – la offendono e non vogliono giocare con lei. È una bambina molto sola, ma l’intervento cambierà tutto, sarà una bambina come tutte le altre”.

Dopo le necessarie visite mediche la piccola è stata dichiarata idonea all’intervento. Valentine e Jean non riuscivano a crederci!

“Ho solo un’amica, la mia sorellina” ha detto la bambina che, finalmente, intravedeva la possibilità di una vita diversa: nuovi amici per giocare, andare a scuola.

Quando il giorno tanto atteso è arrivato Jean, in un misto di agitazione e felicità, ha aspettato pazientemente fuori dall’ospedale durante l’operazione, in costante contatto telefonico con la moglie per aggiornarla passo dopo passo. Nel rassicurarla, pregava Dio perché tutto andasse per il meglio.

Subito dopo l’intervento, alla vista della sua bambina, la tensione di tutta la giornata era svanita; non poteva credere ai suoi occhi.

Valentine durante le visite. Foto: Jorgen Hildebrandt

“Sono davvero felice, è un’emozione che non si può descrivere a parole” ha detto Jean.

Valentine è stata operata dal chirurgo plastico svedese, Dr. Patrik Boivie insieme alla Dott.ssa Françoise Mukagaju, specializzanda ruandese in chirurgia plastica.

Situato nel cuore dell’Africa, il Ruanda è un Paese piccolo ma densamente popolato. Eppure i 13 milioni di persone che lo abitano possono contare ad oggi su due soli chirurghi. Il fabbisogno di istruzione medica è immenso. Per questo Operation Smile in Ruanda si occupa non soltanto di offrire interventi chirurgici durante le missioni, ma anche di formare nuovi medici e operatori sanitari locali.

Grazie ai programmi di formazione di Operation Smile tre specializzandi in chirurgia plastica completeranno gli studi entro il 2022: tre nuovi chirurghi che si aggiungeranno ai due già presenti. Françoise Mukagaju sarà la prima donna chirurgo nel Paese.

La formazione rappresenta un aspetto molto importante dell’attività di Operation Smile: gli operatori sanitari locali, infatti, sono una risorsa preziosa con un impatto diretto non solamente sul singolo paziente, ma sulla comunità della quale fanno parte.

I programmi di formazione offerti dai nostri team a migliaia di medici e operatori sanitari locali mirano a far acquisire competenze più approfondite e specialistiche a questi professionisti in modo che gli stessi possano garantire elevati standard di cure ai membri della propria comunità e condividere in futuro con altri le competenze e conoscenze acquisite.

Françoise Mukagaju e Patrik Boivie. Foto: Jorgen Hildebrandt

 “Voglio andare a scuola domani stesso”, ha detto Valentine dopo l’intervento. Il suo desiderio più grande adesso è quello di circondarsi di altri bambini e bambine e stringere nuove amicizie.