Uno scambio di sorrisi

Questa è la storia di Maria, una donna del Nicaragua che per 40 anni della sua vita ha potuto ingerire solo liquidi o pezzi di cibo piccolissimi, una donna che ha potuto pronunciare solo le pochissime parole che quella fessura sul suo palato le permetteva.

Maria non aveva la possibilità di far curare né la sua palatoschisi, né i suoi denti. Per questo ha vissuto così tanti anni senza potersi esprimere bene, senza poter godere del piacere del cibo, vergognandosi del suo aspetto.

Quando è venuta a conoscenza del progetto Exchange for Smiles – scambio di sorrisi – non è stato certo il pensiero di un viaggio di 10 ore per raggiungere la missione a Managua a distoglierla dalla volontà di approfittare di un’occasione unica, quella di essere finalmente curata.

Lo scorso marzo il team di Operation Smile Nicaragua e quello di Exchange for Smiles hanno unito le forze nella loro prima missione combinata, durante la quale studenti di odontoiatria del North Carolina e staff locale nicaraguense hanno offerto ai pazienti il meglio delle proprie competenze.

La storia di Maria spiega perfettamente l’importanza di un lavoro di collaborazione tra chirurghi maxillofacciali e odontoiatri. Infatti, Maria è stata operata alla sua schisi del palato ed ha ottenuto una dentatura nuova di zecca: i benefici saranno molteplici, dalla masticazione alla fonazione. E, ovviamente, includono anche possibilità – e la voglia – di sorridere di più, fisicamente e mentalmente.

Ma questa non è soltanto la storia di Maria. Durante la missione sono stati trattati oltre 700 pazienti.

L’ideatore di Exchange for Smiles è Ryan Cody, studente al quarto anno di odontoiatria già attivo con Operation Smile come volontario. Quando la sua proposta di una collaborazione strategica tra i suoi compagni di studi dell’Università del North Carolina ed Operation Smile è stata accolta con entusiasmo al quartier generale di Managua, Ryan ha subito iniziato una raccolta fondi per acquistare le attrezzature necessarie.

I risultati, già dopo la prima missione, sono straordinari, anche grazie al sostegno dello staff locale di Operation Smile Nicaragua. Tra loro c’è Teresa, dentista volontaria venezuelana che ha preso parte alla missione ed ha svolto un ruolo essenziale non solo nelle cure, ma anche nel training dei nuovi volontari.

Exchange for Smiles è un grande programma con un grande nome” – ci ha detto Teresa, nota a tutti come Teresita, volontaria di Operation Smile fin dal 1993 – “I risultati continuano a superare le attese. I ragazzi e le ragazze dell’Università del North Carolina hanno fatto un ottimo lavoro, hanno molto talento e sono stati accolti con grande entusiasmo da tutta la comunità”.

Una parte fondamentale di questo programma è l’educazione, lo scambio di competenze tra tutti i partecipanti. Gli studenti imparano dai loro mentori, come Teresita, e a loro volta insegnano le basi dell’igiene orale ai pazienti e alle loro famiglie. “Alcuni pazienti non avevano mai usato lo spazzolino da denti e credevano che il dolore ai denti e la loro caduta fossero inevitabili”, riferisce Celeste Kendrick, Vicepresidente del programma di Exchange for Smiles.

E conclude: “Dopo la missione ho capito molte cose sull’importanza dell’ortodonzia nell’ambito del percorso di cura. Questo viaggio mi è servito a motivarmi una volta di più, mi ha mostrato che i miei studi possono davvero fare la differenza e si possono applicare per cambiare la vita di altre persone. Per questo tutti noi dobbiamo continuare a dare il massimo. E lo faremo”.