UN FUTURO INASPETTATO

Siham è nata con il labbro leporino. A causa del suo aspetto è stata derisa da adulti e coetanei, tanto da costringerla a smettere di andare a scuola. Poi, un giorno sua mamma è venuta a sapere degli interventi gratuiti di Operation Smile e finalmente la sua vita è cambiata.


Ogni giorno Siham cammina una ventina di minuti per arrivare a scuola.

Adora andarci, ridere e scherzare con le sue migliori amiche, studiare le materie che le piacciono. Ma non è stato sempre così. Per anni la scuola è stato un luogo in cui si sentiva un’estranea.

Siham è nata con il labbro leporino, ma anche con una grande forza che l’ha aiutata a superare gli ostacoli incontrati lungo il percorso.

Alla nascita della loro bambina, Samira e Youssef erano spaventati e sopraffatti dal dolore: prima di quel momento non avevano mai visto nessuno con quella malformazione al labbro.

Ma per nulla al mondo l’avrebbero abbandonata. Quando le hanno chiesto se volesse lasciare la bambina all’orfanotrofio locale Samira ha risposto con sicurezza: “Io la voglio, è mia figlia.”

Ma quella sicurezza che nasceva dall’amore dei genitori per la loro piccola doveva prepararsi ad affrontare moltissimi disagi. Il loro villaggio era distante ore dal più vicino ospedale e le loro condizioni economiche erano molto modeste. Samira e Youssef temevano che le cure per Siham sarebbero sempre state fuori dalla loro portata.

Con la crescita di Siham è iniziato anche lo stigma sociale dovuto al suo aspetto. Le persone del villaggio la maltrattavano e i compagni non la volevano come compagna di banco.

Lei tornava casa in lacrime e piena di rabbia. Siham amava andare a scuola, ma i comportamenti dei suoi compagni erano difficili da sopportare. “Mi guardavano come se fossi un’estranea e dicevano guardate quella bambina, guardate la sua bocca, lei non è come noi” – ha raccontato Siham ripensando a quei momenti. “Allora ho deciso di non andare più a scuola.”

Foto: Margherita Mirabella

“Mi sono sempre chiesta perché fossi nata così e se mai qualcuno un giorno mi avrebbe salvato. Non ho mai pensato che ci potesse essere un futuro per me” ha continuato Siham.

E invece quel futuro è arrivato quando un’amica di sua madre Samira le ha parlato di Operation Smile Marocco.

Pochi mesi dopo aver contattato l’Organizzazione a Casablanca per avere più informazioni, Samira e Siham sono partiti per un viaggio in autobus di 36 ore verso Dakhla, dove si sarebbe tenuta la missione medica.

Per i primi 12 anni della sua vita Siham ha creduto di essere l’unica persona al mondo ad essere nata con il labbro leporino. Arrivata lì il giorno delle visite ha visto tanti, tanti altri bambini con la sua stessa malformazione.

“È stata un’emozione strana: pensavo di essere l’unica ad avere questo problema. Da quel momento non mi sono più sentita sola; sono diventata una di loro e loro erano come fratelli e sorelle” ha aggiunto.

Dopo le visite di routine, Siham è stata operata. La madre, commossa, non poteva credere ai suoi occhi.

Le cure per Siham non sono terminate con l’intervento chirurgico; in seguito è stata sottoposta a trattamenti ortodontici presso il Centro di Cura di Operation Smile Marocco a Casablanca.

Oggi Siham ha 17 anni: è una ragazza allegra e va a scuola senza paura. Ha molte amiche, le piace molto disegnare e studiare francese.

Foto: Lorenzo Monacelli

E ha molti progetti per il futuro: “Dopo l’intervento chirurgico la mia vita è cambiata radicalmente. Mi piacerebbe diventare un’insegante. L’insegnamento è la chiave di tutto. Ringrazio i medici: grazie davvero, mi avete salvato la vita. Se non mi aveste curato non avrei mai potuto vivere una vita normale.”

carosello carosello1 carosello2
<
>