Nella sua vita il sorriso è arrivato tardi, ma adesso è travolgente

operazione schisi labbro leporino
CONDIVIDI SU:

Madagascar, Missione Medica Internazionale Antsirabe 3/13 aprile 2019

 

Dieci anni e un sorriso travolgente. Questa è Clara.

Alla missione di Antsirabe (Madagascar), dove Operation Smile è al lavoro in questi giorni, l’allegria e l’entusiasmo di questa bambina si fanno sentire.

Appena due giorni fa Clara è stata operata grazie all’impegno dei nostri volontari. È stato un difficile intervento al palato. E per Clara, paziente di Operation Smile dal 2016, è stato il terzo appuntamento con la sala operatoria.

L’impegno di Operation Smile, infatti, è chiaro: non solamente intervenire con la massima cura sui nuovi pazienti, ma continuare a fornire assistenza e controlli anche dopo l’operazione, ogni volta che sia necessario.

Oggi Clara è la testimonianza più evidente dell’importanza di ogni nuova missione sul campo e finalmente indossa orgogliosa il suo sorriso.

Ma nella sua vita il sorriso è arrivato tardi.

La malformazione al labbro e al palato con la quale Clara è nata, l’ha condizionata fin dal primo giorno portando con sé i pettegolezzi degli abitanti del villaggio e uno stigma sociale che presto è diventato un peso insopportabile per sua madre.

Due anni dopo la nascita di Clara, la mamma ha abbandonato per sempre sua figlia, la sua casa e il suo villaggio. È andata via con suo figlio minore, un maschietto nato sano.

È stato il padre, Dede, ad assistere e amare Clara incondizionatamente fin dal primo momento e a decidere che avrebbe fatto qualsiasi cosa per risolvere il problema della sua bambina affinché fosse amata e accolta da tutti, anziché temuta e isolata come sempre succedeva.

Ci sono voluti sei anni.

Nel 2016 è stato proprio Dede a venire a conoscenza dell’arrivo, nella loro città, dei volontari di Operation Smile e degli interventi chirurgici gratuiti che avrebbero fatto alle persone nate con schisi.

Ha visto manifesti che mostravano i volti dei pazienti prima e dopo l’operazione e si è convinto che la soluzione al problema di Clara era finalmente possibile.

Sarei il papà più felice del mondo”, ci ha detto il giorno della prima visita. “Quando Clara va a scuola viene costantemente derisa e isolata. Quando parla gli altri non la capiscono, perciò preferisce stare da sola e molto spesso resta chiusa a casa.

Una settimana dopo il primo incontro con Operation Smile, Dede e Clara erano alla missione ad Antsirabe assieme ad altri 300 pazienti speranzosi di poter essere sottoposti ad intervento.

Quando l’indomani Clara, con altri 160 bambini, è stata ritenuta in salute per affrontare l’operazione, l’emozione della bambina e di suo padre era palpabile.

Per noi, invece, l’emozione più forte è arrivata otto mesi dopo l’intervento, quando abbiamo rivisto Clara per una visita di controllo.

Il nuovo sorriso le aveva donato una nuova sicurezza e aveva tirato fuori il suo vero carattere, una vivacità contagiosa unita alla voglia di correre, giocare e fare amicizia con tutti gli altri bambini.

Da quel giorno i controlli e le cure per Clara si sono succeduti ad ogni missione in Madagascar e oggi, tre anni e tre interventi dopo il primo incontro di Operation Smile con Clara, il suo sorriso è ancora in grado di trascinare e rallegrare tutti, dai volontari agli altri pazienti. La sua storia, quella di una bambina che ha sofferto molto ma che oggi può vivere allegra e grintosa, continua a commuovere tutti.

La sua è una testimonianza di incoraggiamento costante per gli altri pazienti e di motivazione per Operation Smile. Una testimonianza che continueremo a raccontare.