Mariana, l’amore di una mamma

Questa è la storia di Ramata, una bambina nata con la labiopalatoschisi. Ma è soprattutto la storia di Mariana, una mamma fortissima che non si è mai arresa.


Oggi Mariana guarda sua figlia Ramata crescere, studiare, giocare con gli altri bambini. La guarda mentre diventa una giovane donna pronta a percorrere la sua strada.

È stata lei, con il suo instancabile coraggio e il suo amore di mamma, a donarle la possibilità di una vita serena e piena di progetti per il futuro.

È stato un percorso difficile, lungo e pieno di ostacoli. Ostacoli di fronte ai quali lei non si è mai arresa. Ma ha continuato ad andare avanti. Ancora, e ancora, e ancora.

Il Ghana è una terra bellissima, ma è anche un Paese nel quale le condizioni di vita degli abitanti sono messe a dura prova da un sistema sanitario carente, da un’economia perennemente in crisi e da infrastrutture inadeguate.

Se in Ghana la vita è difficile per molti, lo è ancora di più per chiunque abbia bisogno di cure. Questo era il caso di Ramata, una bambina bellissima e dalla personalità allegra, nata con la labiopalatoschisi.

Nascere con una malformazione al volto in un Paese come il Ghana vuol dire dover affrontare una serie infinita di ostacoli, che la piccola Ramata ha potuto superare grazie a mamma Mariana, una donna unica e fortissima che non ha smesso di lottare fino a quando ha ottenuto quello di cui sua figlia aveva bisogno: un intervento chirurgico efficace e sicuro.

Dopo anni di viaggi a vuoto, bullismo verso mamma e figlia da parte dei vicini di casa, e tante lacrime, finalmente Mariana ha scoperto Operation Smile. L’incontro con Clement, un membro dello staff di Operation Smile che l’ha incoraggiata a portare Ramata ad una missione medica, è stato il momento che ha cambiato tutto.

Oggi che sua figlia sta bene, Mariana vuole incoraggiare tutte le mamme del mondo, raccontare loro la sua storia e condividere un messaggio importantissimo: “Non arrendetevi mai”.

Ramata con mamma Mariana. Foto di Margherita Mirabella

Cinque lunghi viaggi in autobus, cinque ritorni a casa con il cuore spezzato, quattro anni di sofferenza ed emarginazione.

Questo è quello che Mariana ha dovuto affrontare, da sola, dal giorno della nascita di sua figlia Ramata.

Molte volte ha lavorato sodo per racimolare i soldi necessari a viaggiare con la piccola verso l’ospedale di Cape Coast, e dopo ogni visita la piccola non ha potuto essere operata perché anemica o malnutrita o non abbastanza forte per affrontare l’intervento. Ogni volta il ritorno a casa è stato l’ennesimo viaggio di lacrime e disperazione.

Fino al giorno in cui uno dei volontari di Operation Smile è arrivato ad Assin Praso, il paese di Mariana, parlando di un’organizzazione che dona cure chirurgiche gratuite, che si occupa anche del trasporto fino al luogo dell’intervento, che offre consigli e kit di nutrizione per permettere ad ogni mamma di prendersi cura dei propri figli nel migliore dei modi, così che arrivino all’intervento in buona salute, pronti per affrontare l’anestesia e tutto ciò che l’operazione comporta.

Operation Smile poteva curare la piccola Ramata. Gratuitamente e occupandosi anche del viaggio e del necessario per i giorni successivi. Mariana non riusciva a crederci.

Ramata e mamma Mariana alla missione. Foto di Margherita Mirabella

Il primo viaggio verso la missione medica di Operation Smile a Cape Coast non è stato risolutivo. Ramata stava per essere operata quando ha contratto la malaria. L’intervento è stato posticipato. Per l’ennesima volta.

Ma questa volta Mariana non è stata lasciata sola. Lo staff di Operation Smile ha offerto a Mariana tutte le cure, i prodotti e le indicazioni necessarie per prendersi cura di sua figlia fino alla missione successiva. E con tutto l’amore che solo una mamma sa dare, Mariana si è presa cura di Ramata fino alla missione di Ho. È stato lì, nel 2016, che finalmente Ramata è stata operata.

Quattro anni dopo Ramata è una bambina in salute e piena di vita. Ha molti amici con i quali va a scuola e gioca nei momenti di svago.

Intanto mamma Mariana la guarda vivere quella vita che per lei aveva sognato fin dal primo giorno. Una vita che ha potuto donarle grazie alla sua forza d’animo e al suo coraggio di non arrendersi mai.