Tempo di celebrazioni: la Giornata Internazionale del Volontariato

Nella Giornata Internazionale del Volontariato celebriamo i nostri volontari perché da loro impariamo ogni giorno e di loro siamo infinitamente orgogliosi.


“Il sorriso di un solo uomo è il sorriso dell’umanità intera”. Dott. Domenico Scopelliti, chirurgo volontario e Vicepresidente Scientifico della Fondazione Operation Smile Italia Onlus.

Viaggiano nel mondo arrivando nei luoghi più remoti e sono l’anima e il braccio di intere comunità, organizzazioni, autorità governative e non. Sono l’anima e il braccio anche di Operation Smile. Parliamo dei tantissimi volontari che ogni giorno si mobilitano al nostro fianco per aiutarci a far nascere nuovi sorrisi e a rendere il mondo un posto migliore.

Il 5 dicembre, in occasione della Giornata Internazionale del Volontariato istituita dalle Nazioni Unite, vogliamo unirci nel celebrare queste persone così speciali.

Persone che ogni giorno si mettono alla prova e che lasciano la sicurezza della propria casa con un solo obiettivo: portare un aiuto a chi ne ha bisogno, ovunque si trovi, chiunque egli sia.

Persone che hanno fatto proprio, e praticano quotidianamente, il motto delle Nazioni Unite per l’Agenda 2030: non lasciare indietro nessuno.

Come? Con l’energia e la carica di chi sa di poter essere d’aiuto. Con i dubbi e il nervosismo di chi deve affrontare una sfida nuova. Con tutte le molteplici emozioni che qualunque donna o uomo prova di fronte ad un gesto importante come quello di regalare sé stesso ad un’altra persona.

Essere un volontario richiede un grande sforzo, fisico ed emotivo. Uno sforzo che, per qualche causa misteriosa, sembra non pesare sulle spalle delle centinaia di volontari che negli anni hanno scelto di affiancare Operation Smile. Anche dopo missioni faticosissime, lunghi viaggi o giorni stressanti, nei loro racconti troviamo sempre parole di grande forza, profonda umanità e contagioso entusiasmo.

Da loro impariamo ogni giorno e di loro siamo infinitamente orgogliosi.

“Credo che il volontariato sia una sorta di “contagio”, ho osservato che le persone che lavorano con me seguono una passione, un bisogno di capire e migliorarsi e da questo nasce il piacere di dedicarsi ai bisogni dell’altro.” Queste le parole della Dott.ssa Angela Rezzonico, logopedista, che quest’anno è stata premiata come Volontaria dell’Anno della Fondazione Operation Smile Italia Onlus.

“Il riconoscimento che ho ricevuto – racconta Angela – l’ho pensato come un premio all’energia che ho messo in questi vent’anni a far crescere i giovani logopedisti che amano la mia stessa professione e che ora sono i veri ambasciatori di questo lavoro con i bambini affetti da palatoschisi.

Il volontariato è stato qualcosa che ha sempre caratterizzato il mio percorso lavorativo, farlo per Operation Smile mi ha permesso di dedicarmi sia ai bambini del territorio italiano che a quelli in campo internazionale.

Tuttavia, le missioni non sono solo quelle legate all’esperienza del lavorare all’estero, magari nei Paesi più poveri, ma anche sul territorio italiano, dove il nostro contributo si affianca ed integra l’operato del Sistema Sanitario Nazionale. Le richieste sono moltissime e la Smile House di Milano, nei giorni di visita, è sempre affollata.

In ugual modo, quando si partecipa ad una missione estera bisogna essere consapevoli del valore aggiunto che si vuol dare. Per offrire le proprie competenze bisogna esser pronti e sapersi adattare alle differenti realtà con le quali si può entrare in contatto. A chi vuol fare volontariato suggerisco di fare una buona formazione perché indispensabile per portare un valore aggiunto. Il volontariato in missione è il coronamento di un percorso.”

Volontaria dal 2011, Angela non soltanto si è dedicata ai pazienti, ma è anche subito diventata un punto di riferimento imprescindibile per la formazione di nuovi logopedisti. È grazie al suo impegno e al suo esempio, infatti, che i suoi tirocinanti sono entrati nell’équipe medica e alcuni di loro. Come dice lei stessa “l’entusiasmo, la professionalità e l’amore per questo lavoro ci ha fatto diventare un bellissimo gruppo”.

Assieme a Domenico e ad Angela con i suoi collaboratori, sono moltissimi i volontari che negli anni ci hanno lasciato le loro parole di coraggio, speranza, condivisione, altruismo. Oggi li ringraziamo una volta di più e lasciamo che siano proprio le loro potenti parole ad esprimere le forti emozioni di questo meraviglioso gruppo.