Roma ospiterà la “NEXT Conference” di Operation Smile nel novembre 2020

CONDIVIDI SU:

Venerdì scorso è stata presentata la “Next Conference 2020”, un convegno internazionale che vede riuniti delegati di oltre 40 Paesi che fanno parte di Operation Smile.


Un evento globale che ha l’obiettivo di stimolare la collaborazione e l’aggiornamento professionale e tecnico, nell’ambito delle malformazioni del volto, tra tutti i professionisti che collaborano con l’Organizzazione.

La NEXT Conference 2020 rappresenterà uno degli appuntamenti più attesi delle iniziative previste per festeggiare i 20 anni di attività della Fondazione Operation Smile Italia Onlus.

Davanti ad una platea di istituzioni ed addetti ai lavori, nella splendida cornice del Salone del Commendatore del Complesso Monumentale Santo Spirito in Sassia, i Co-fondatori di Operation Smile, Bill e Kathy Magee, hanno illustrato alla presenza del Direttore Generale della Asl Roma 1, Dott. Angelo Tanese, del Vice Ministro alla Salute, Sen. Pierpaolo Sileri, dell’Assessore alla Salute della Regione Lazio Dott. Alessio D’Amato, della Preside della facoltà di Medicina ed Odontoiatria dell’Università “Sapienza” di Roma, Prof.ssa Antonella Polimeni e del Vicepresidente Scientifico della Fondazione Operation Smile Italia Onlus, Dott. Domenico Scopelliti, lo scopo della Conferenza che è quello di stimolare la collaborazione e l’aggiornamento professionale e tecnico, nell’ambito delle malformazioni del volto, tra tutti i professionisti che collaborano con l’Organizzazione. Presente anche il Dott. Luca Autelitano, Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione e Coordinatore clinico della Smile House di Milano.

Nel corso della NEXT 2020 saranno presentati i risultati italiani del progetto SMILE HOUSE”, realizzato in collaborazione con diverse Regioni ed Aziende Sanitarie italiane.

Il progetto Smile House è un esempio di sinergia virtuosa tra il Sistema Sanitario Nazionale e la Fondazione che ha dato vita, a partire dal 2011, ad un modello assistenziale multidisciplinare integrato dove si effettua formazione professionale e ricerca scientifica.

“Operation Smile è una casa accogliente con un’equipe d’eccellenza, e la immaginiamo, data la sua estensione territoriale rivolta all’intero paese, come una Casa senza reali pareti che offre soluzioni globali di salute attraverso un percorso multidisciplinare”

Ha sottolineato in apertura dei lavori il Vice Ministro alla Salute Sen. Pierpaolo Sileri.

“La Smile House Roma è stato un segnale: si è dimostrato che non si fanno solo carte ma che c’era e c’è la volontà di dare alle persone una risposta qui a Roma come servizio pubblico – ha dichiarato Angelo Tanese – Sono lieto di sapere che altre realtà vogliono sperimentare lo stesso modello. Noi amplieremo la nostra capacità di risposta. Roma sarà il punto di riferimento per costruire una rete più ampia”.

L’Assessore D’Amato ha invece ricordato che la Regione Lazio:

“Ha subito aderito a questa iniziativa con una operatività concreta al San Filippo Neri. I numeri dell’attività sono importanti. Sono inoltre convinto che il Servizio Sanitario Nazionale deve migliorare le cure dentali, perché ci sono tanti cittadini che non riescono ad usufruirne. Il nuovo Patto per la salute deve essere il patto contro le diseguaglianze”.

“L’Università “Sapienza” è già partner di Operation Smile da oltre 10 anni. Adesso l’impegno reciproco aumenta poiché la formazione e la ricerca sono diventati un obiettivo irrinunciabile per il Progetto Smile House”

Ha dichiarato la Prof.ssa Polimeni, Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia.

“Prevediamo di realizzare – ha sottolineato il dott. Domenico Scopelliti, Vicepresidente Scientifico della Fondazione – una capillare rete assistenziale accentrando la patologia chirurgica in pochi Centri certificati e demandando agli spokes periferici tutte le terapie complementari alla chirurgia primaria e secondaria (logopedia, ortodonzia, psicologia, ecc…), in modo che queste siano fruibili ai pazienti ed alle loro famiglie nel posto più vicino alle proprie residenze”.

Tra gli obiettivi della Conferenza vi è anche quello di avviare una nuova era per l’Organizzazione internazionale, che si sta orientando verso un modello assistenziale affidato ai Centri di Eccellenza.

Roma_Smile House_Presentazione Next_Domenico Scopelliti_DSC0761Roma_Smile House_Presentazione Next_BillMagee_Kathy Magee_Domenico Scopelliti_DSC0704Roma_Smile House_Presentazione Next_A.Tanese_DSC0808
<
>

Dopo anni di assistenza medica garantita attraverso il modello delle missioni internazionali e locali, è giunto il momento di pensare a strutture che abbiano una capacità assistenziale 365 giorni l’anno.

Tale modello assistenziale garantisce ai bambini, che ne hanno bisogno, un trattamento multidisciplinare che li segua dal momento della diagnosi prenatale fino al termine delle cure necessarie. Il panel dei Relatori sarà composto sia da nomi italiani di spicco che personalità internazionali che provenienti da settori diversi da quello della medicina.

NEXT 2020 ROME non sarà quindi un evento celebrativo riservato ai membri della famiglia di Operation Smile, ma si allargherà a tutto il mondo scientifico internazionale che si occupa di malformazioni del volto. Una ulteriore novità sui temi da trattare riguarda le malformazioni cranio-facciali, quelle vascolari del volto e le conseguenze di patologie del nervo facciale che, inducendo paralisi, inficiano anch’esse il sorriso di chi ne è affetto.

La NEXT 2020 sarà un evento che cambierà le prospettive assistenziali per le malformazioni del volto in molti Paesi e potrà influenzare, in modo significativo, l’impatto sociale poiché l’azione a favore di questi bambini determinerà certamente un cambiamento nell’intera società a cui appartengono.