PRESTO ONLINE SU CROWDFORLIFE LA RACCOLTA FONDI A SOSTEGNO DELLA FONDAZIONE OPERATION SMILE ITALIA ONLUS

La raccolta fondi a sostegno del progetto Smile House verrà lanciata a breve su CrowdForLife, la nuova piattaforma di crowdfunding del Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia, che si propone come punto di incontro tra i soggetti del Terzo settore e chi aspira a partecipare direttamente a una causa comune.


A partire dal mese di marzo sarà possibile donare direttamente sul sito www.ca-crowdforlife.it e sostenere il progetto della Fondazione Operation Smile Italia Onlus che consentirà la creazione di una cartella clinica elettronica condivisa.

Il progetto Smile House è oggi una rete assistenziale che ha come obiettivo la copertura di tutto il territorio nazionale. Ad oggi sono attivi tre centri chirurgici denominati Smile House a Milano, Roma e Vicenza.

Il progetto prevede, inoltre, la costituzione capillare di centri chirurgici e ambulatori che, grazie alla Cartella Clinica Elettronica Condivisa, saranno sempre in contatto tra loro.

Il progetto della Cartella Clinica Elettronica Condivisa (EMR-SH), realizzato in parte grazie al supporto della Fondazione Vodafone Italia, consentirà la gestione delle informazioni cliniche e scientifiche dei pazienti in una condizione di scambio continuo di informazioni tra gli ambulatori e il centro chirurgico di riferimento e la creazione di un database unico per qualità, omogeneità e quantità dei dati con un conseguente impatto positivo sulla gestione della patologia da parte del Sistema Sanitario Nazionale, che potrà utilizzare i dati per la programmazione sanitaria e la corretta allocazione delle risorse necessarie.

Il contesto del trattamento delle malformazioni cranio-maxillo-facciali in Italia è oggi caratterizzato dalla complessità dell’accesso alle cure all’interno di protocolli multidisciplinari accreditati internazionalmente, dalla frammentazione delle cure erogate e dalla mancanza di dati scientifici aggregati. Manca, per esempio, un registro nazionale unico inerente a queste patologie (esistono solo 8 registri regionali su 21 regioni).

L’assenza di dati certi e facilmente consultabili in materia rende più complessa l’analisi e la valutazione del bisogno, indispensabile al fine di determinare una programmazione assistenziale adeguata in termini di servizi e di distribuzione territoriale. Tale circostanza inficia altresì l’attività di ricerca scientifica ed epidemiologica.

Il confronto tra più specialisti durante una visita alla Smile House di Roma. Foto: Margherita Mirabella.

Un ulteriore aspetto dell’attuale contesto è la migrazione sanitaria, che costringe pazienti adulti e bambini a muoversi all’interno del territorio nazionale per fruire di prestazioni sanitarie non disponibili nelle proprie regioni.

In ragione della struttura del progetto, dislocato su tutto il territorio nazionale, è importante che gli specialisti del settore siano interconnessi tra loro. Grazie all’ EMR-SH, inoltre, il ginecologo o il radiologo che diagnosticano una patologia come la labiopalatoschisi potranno indirizzare i pazienti al team multidisciplinare prenotando direttamente la visita al centro Smile House più vicino.

Per realizzare questo progetto innovativo sarà necessario, attraverso la raccolta fondi, raggiungere un obiettivo economico di 12.180,44 €.

Il Gruppo Bancario in passato ha scelto di coinvolgere i propri dipendenti in una gara di solidarietà che ha permesso di acquistare un importante macchinario per il centro Smile House di Milano, capace di migliorare l’efficacia dei trattamenti sui nostri bambini.

Adesso vuole impegnarsi insieme a noi in questa sfida che vedrà al centro il progetto Smile House e il coinvolgimento di chiunque voglia sostenerlo.

Ringraziamo il Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia e tutti Voi che vorrete dare il vostro contributo, finalmente saremo in grado di creare una rete nazionale per la cura delle labiopalatoschisi.

Il Dott. Domenico Scopelliti con un paziente alla Smile House di Roma. Foto: Margherita Mirabella.