INAUGURATA ALL’OSPEDALE SAN BORTOLO LA SMILE HOUSE DI VICENZA

CONDIVIDI SU:

L’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Maxillo-Facciale dell’Ospedale San Bortolo di Vicenza, già inserita nella Rete delle Malattie Rare Europea (E.R.N.), e riconosciuta come Centro regionale di riferimento per la diagnosi e la cura delle malformazioni cranio maxillo-facciali, adesso è diventata anche punto di riferimento nazionale della Fondazione Operation Smile Italia Onlus.

Oggi, infatti, è stata inaugurata la Smile House di Vicenza, Centro di Cura multispecialistico per il trattamento delle malformazioni congenite cranio-maxillo-facciali, la terza in Italia dopo Milano e Roma. Alla cerimonia, svoltasi negli Ambulatori di Chirurgia Maxillo-Facciale dell’Ospedale San Bortolo, hanno partecipato il Direttore Generale dell’ULSS 8 Berica, Giovanni Pavesi; il Direttore della U.O.C. Chirurgia Maxillo-Facciale, Ugo Baciliero; il Presidente di Operation Smile Italia Onlus, Carlo Salvatori, insieme al Vicepresidente Scientifico della Fondazione, Domenico Scopelliti; il Sindaco di Vicenza, Francesco Rucco; autorità civili e militari dell’Arma dei Carabinieri e dell’Esercito Italiano.

L’obiettivo del progetto Smile House, che vede la collaborazione virtuosa tra servizio sanitario pubblico e una Fondazione privata non a scopo di lucro – che sulla patologia trattata vanta un’importante esperienza maturata in tutto il mondo – è quello di offrire al paziente e alla sua famiglia i servizi di cui necessitano durante il percorso di cure, attraverso il coinvolgimento di un team di specialisti che valutano insieme i bisogni del paziente e il percorso di cure da seguire in relazione alla patologia all’interno di un’unica struttura, nell’ambito del Sistema Sanitario Nazionale.

Gli specialisti coinvolti sono anestesisti, pediatri, odontoiatri, ortodontisti, otorinolaringoiatri, infermieri, logopedisti e psicologi. I membri del team prendono in carico il paziente e la sua famiglia in un percorso che inizia durante l’epoca gestazionale con la diagnosi prenatale e dura fino al termine delle cure necessarie.