La formazione del personale sanitario: fondamentale sempre, anche contro il Coronavirus

Tra aprile e giugno centinaia di medici ed operatori sanitari hanno partecipato ai corsi di formazione a distanza su prevenzione, diagnosi e trattamento del Covid-19.


“Di fronte a un virus sconosciuto, la condivisione e la collaborazione sono il miglior rimedio”.

Così il Prof. Tingbo Liang, Redattore capo del Manuale di Prevenzione e Trattamento COVID-19, apre la sua nota al manuale redatto e distribuito gratuitamente a tutti i medici in cerca di formazione per combattere il Coronavirus.

“Questa è una guerra globale senza precedenti e l’umanità̀ sta affrontando lo stesso nemico, lo sconosciuto Coronavirus. E il primo campo di battaglia è l’ospedale in cui i nostri soldati sono gli operatori sanitari”.

Tante volte negli ultimi mesi abbiamo sentito dire che quella al Coronavirus è una guerra. Tante volte abbiamo parlato dei nostri medici come eroi valorosi impegnati in battaglie durissime per proteggere la nostra vita.

Una cosa è stata chiara fin da subito: in questa guerra senza precedenti contro un virus sconosciuto che si è diffuso in tutto il pianeta, nessuno può salvarsi da solo e la formazione del personale sanitario è un’arma fondamentale per combatterlo.

La Fondazione Operation Smile Italia Onlus si occupa di formazione da molto tempo.

Le sessioni di formazione e training hanno un impatto immenso in quanto, attraverso lo scambio di conoscenze e competenze, permettono di garantire approfondimenti e favoriscono così una formazione reciproca. Migliorano la qualità del lavoro del singolo operatore sanitario, migliorano la qualità delle terapie e degli interventi a cui sono sottoposti i pazienti, migliorano, infine, i sistemi sanitari.

Proprio durante l’emergenza, tra aprile e giugno, la Fondazione, in collaborazione con Consulcesi che ha messo a disposizione la propria piattaforma per la Formazione a Distanza a titolo gratuito, ha realizzato il corso “Covid-19: Prevenzione, diagnosi e trattamento nell’esperienza internazionale” utilizzando l’esperienza cinese del prof. Tingbo Liang, integrata con nuovi dati scientifici della Società Internazionale di Pneumologia. Di tale evento formativo hanno potuto usufruire centinaia di medici e operatori sanitari, non solo nostri volontari.

La Dott.ssa Maria Costanza Meazzini, Coordinatore Scientifico della Smile House di Milano.
Foto: Margherita Mirabella

La possibilità di studiare materiale tanto prezioso in lingua italiana ha permesso ai medici di avvicinarsi a quest’emergenza con una preparazione utile a proteggere sia i pazienti che sé stessi e a prepararsi alla inevitabile conseguenza della pandemia: la necessità di prevedere e creare per il futuro dei nuovi protocolli di intervento per qualsiasi tipo di attività sanitaria.

C’è di più.
Con il passare del tempo e il diffondersi del virus in tutto il mondo, è stato subito chiaro che i nostri medici – a lavoro in un Paese particolarmente colpito come l’Italia – potevano aggiungere al volume la loro esperienza, le loro nuove conoscenze.

E così il volume si è arricchito di quanto anche i nostri medici hanno imparato e scoperto. Ed è stato diffuso e tradotto per poter arrivare al maggior numero possibile di medici, a chiunque ne avesse necessità.

Ad oggi oltre 160 medici italiani hanno seguito il corso e hanno potuto capire, attraverso spiegazioni dettagliate di procedure mediche e casi relativi a pazienti reali, come affrontare quest’emergenza sanitaria senza precedenti.

Oltre a ciò si sono tenuti un corso online in collaborazione con Operation Smile condotto dal Prof. Violi della Sapienza e dal Dott. Paolo Arangio – chirurgo alla Smile House di Roma – e dei corsi di approfondimento relativi ai temi della labiopalatoschisi, sui quali siamo tra i maggiori esperti mondiali.

Una parte di questi approfondimenti è stata condotta dalla Dott.ssa Maria Costanza Meazzini ed ha riguardato il trattamento ortodontico dei pazienti nati con malformazioni al volto.

L’emergenza Coronavirus è stata – ed è tuttora – così travolgente da richiedere l’impegno anche di medici e operatori sanitari che mai prima si erano occupati di virologia, di rianimazione o di tutte le altre discipline necessarie per curare i pazienti affetti da Covid-19.

Importantissimo, inoltre, è il protocollo di creazione di un percorso Covid-free negli ambienti ospedalieri, messo a punto dal Dott. Scopelliti – Vicepresidente Scientifico della Fondazione e Coordinatore Clinico della Smile House di Roma –che è stato oggetto di una lezione online internazionale organizzata da Operation Smile.