La Storia di Erineu

CONDIVIDI SU:

Erineu nasce nel 2009 a Luanda, capitale dell’Angola, con diverse malformazioni cranio facciali e una sindattilia,  ovvero la fusione di due o più dita, alla mano destra e ai piedi.

La mamma ha un malore  pochi giorni dopo averlo messo alla luce e perde la vita. Il piccolo cresce a casa della zia materna che lo cura e lo fa sottoporre a diversi interventi chirurgici: il primo a solo un anno di vita per la chiusura della fontanella va a buon fine, ma quelli relativi alla chiusura del labbro e del palato, purtroppo falliscono. Intanto Erineu vive lontano dal papà Danilo che può vederlo solo qualche volta la settimana e che soffre tantissimo per le malformazioni del figlio.

Qualche mese fa, durante la sosta del 30° Gruppo Navale della Marina Militare Italiana nel porto di Luanda, l’azienda in cui lavora il papà di Erineu viene a conoscenza dell’attività che Operation Smile Italia, nell’ambito del progetto “Un Mare di Sorrisi – Africa” sta svolgendo a bordo della portaerei Cavour, così un medico in servizio presso la clinica dell’azienda dove lavora il papà di Erineu, fa pervenire per il tramite della nostra Ambasciata in Angola, un’email con la richiesta di aiuto per il piccolo e con tutte le informazioni cliniche e fotografie necessarie. Non è possibile operare Erineu a bordo del Cavour, perché non è prevista attività clinica nella tappa in Angola da parte dei nostri volontari, ma viene confermata al papà di Erineu la disponibilità da parte dei nostri volontari, di operare in bambino in Italia quando la nave farà rientro a Taranto dal lungo  viaggio in Africa.

Si scatena così una “gara” di solidarietà tra i dipendenti dell’azienda ed una scuola privata romana, la Rome International School, che decide di dedicare l’annuale “May Fair 2014” per raccogliere i fondi utili per la copertura di una parte delle spese sia mediche che logistiche per papà Danilo ed il piccolo Erineu.

Dopo alcuni mesi di preparazione ed organizzazione del viaggio, alla fine di maggio Erineu e Danilo arrivano in Italia accompagnati da un’infermiera angolana che parla italiano. Con la sua simpatia e la sua energia il piccolo conquista subito tutti i nostri medici volontari che incontra durante le visite preoperatorie, lo staff della sede romana e le mamme che hanno organizzato il May Fair nella Scuola, che lo vengono a trovare in ufficio e gli portano tanti bei regali, giocano e trascorrono una parte del pomeriggio con lui. Erineu è felice ed a tutti insegna alcuni passi di danza africana sulle note di una canzone il cui ritornello dice “…la vita è bella…”.

Il 29 maggio scorso, Erineu e Danilo partono insieme ai medici volontari di Operation Smile Italia per Taranto, dove il piccolo è ricoverato presso l’ospedale della nave  Cavour. Per loro salire a bordo della portaerei della Marina Militare Italiana è un’esperienza unica, il Comandate in persona, il C.V. Luca Conti, li ha accompagnati a fare il giro della nave il giorno prima dell’intervento chirurgico ed il bambino si distrae accudito amorevolmente anche dal personale della Cavour. L’intervento di chiusura del labbro e del palato è  lungo, Erineu rimane in sala operatoria oltre le 5 ore. Il decorso post operatorio è normale, il bambino rimane a Roma qualche settimana e viene controllato e medicato regolarmente.

Due giorni prima del suo ritorno a casa, Erineu viene invitato

dalla Preside del Rome International School a far visita e conoscere i bambini che hanno raccolto i soldi per fronteggiare alcune delle spese necessarie al suo intervento ed alla sua permanenza a Roma. È meraviglioso vedere con quale naturalezza Erineu si  integra e giocare con gli altri bambini che lo accolgono immediatamente e si avvicinano a lui. Danilo, il papà, si commuove e dice “mai prima gli altri bambini si sono avvicinati a lui così”.

In questa occasione il papà ci racconta che prima dell’intervento Erineu non aveva amichetti perché veniva sempre allontanato da tutti i bambini a causa del suo aspetto. Il giorno dopo la visita alla scuola Erineu ha chiesto di tornare e i bambini e le insegnanti della scuola lo hanno accolto, di nuovo, a braccia aperte, per Erineu quella è diventata la sua scuola e non vede l’ora di ritornare.

Pochi giorni dopo essere rientrati in Angola, il papà ci ha inviato un messaggio:

Tutta la mia famiglia, i miei amici e tutti quelli che hanno incontrato Erineu in passato sono molto felici della trasformazione di mio figlio. Noi stiamo vivendo ora in un mare di sorrisi… Grazie per il grandioso programma di cambiare il mondo un sorriso alla volta!

Ora per Erineu la vita sarà finalmente bella davvero …