La Magia di Operation Smile

CONDIVIDI SU:

Beate Kuppers, intensivista pediatrico – Layooune in Marocco, 2-12 Febbraio 2017

Missione a Layooune in Marocco, 2-12 Febbraio 2017

Sono rientrata dalla mia seconda missione internazionale con Operation Smile, destinazione Layooune, nel Sahara Occidentale del Marocco.

Anche questa volta, come durante la prima missione a cui ho partecipato nelle Filippine, si è ripetuta quella che noi volontari ormai chiamiamo “la magia di Operation Smile: quando professionisti provenienti da ogni parte del mondo dopo pochi attimi cominciano a lavorare insieme, come se lo avessero sempre fatto, ognuno spinto dalla forte motivazione e dal desiderio di dare il massimo per consentire ai piccoli pazienti di avere un futuro “sorridente.

Durante lo screening gli occhi scuri e magnetici di due gemellini di 9 mesi, entrambi nati con la labiopalatoshisi, hanno rapito la mia attenzione. Dopo averli visitati Vilma, l’odontoiatra colombiana, ci ha raccontato che la mamma li aveva portati per una visita in una missione precedente. Uno dei due bambini era in condizioni critiche e lei aveva chiesto ai medici di operare solo il gemello che avrebbe avuto più possibilità di sopravvivere, mentre per il più debole ogni cura era inutile, aveva smesso di alimentarsi e poteva morire in ogni momento. I volontari si presero cura del piccolo e dopo qualche giorno il suo stato di salute migliorò visibilmente: la mamma a quel punto si convinse che anche lui meritava tutte le cure necessarie.

Si sono ripresentati per l’intervento proprio in questa missione… erano bellissimi e pronti per ricevere il loro nuovo sorriso. La loro storia ha emozionato tutto il team, sono stati le star della missione!