Sono nato in Italia con una malformazione al volto.

IL TUO AIUTO PER CURAREUN BAMBINO CON UNAMALFORMAZIONE AL VOLTO

180

Donazione Italia – Altro importo

Donazione suggerita: 100


COD 19_LX_03_W_01_A Categoria

CONDIVIDI SU:

15al mese

20al mese

30al mese

Donazione Italia mensile – Altro importo

Donazione suggerita: 25 / mese
 / every mese


COD 19_LX_03_W_01_A Categoria Tag

CONDIVIDI SU:

108all'anno

120all'anno

180all'anno

Donazione Italia annuale – Altro importo

Donazione suggerita: 150 / anno
 / every anno


COD 19_LX_03_W_01_A Categoria Tag

CONDIVIDI SU:
Non vedere il problemanon significa che non ci sia!

In Italia si registra, in media, 1 caso di malformazioni al volto, quale la labiopalatoschisi, ogni 830 bambini nati vivi*. Sembra impossibile che in Italia ci siano oggi circa 600 bambini che nascono ogni anno con questa patologia*, talmente impossibile da sembrare che questa problematica non esista.

Sono tante le famiglie che sentono parlare, per la prima volta, di labioschisi o palatoschisi durante le visite prenatali

Marta e suo figlio Alessandro

“Intanto la gravidanza va avanti e io e Sergio, il papà di mio figlio, continuiamo a porci sempre la stessa domanda: perché noi? Perché Alessandro? Il nome lo suggerisce Sergio, evoca leggenda, battaglie e grandi imprese. Ci sembra quello giusto per nostro figlio.”

Ecco le parole di Marta, la mamma di Alessandro, un bambino nato a Roma con una labioschisi.

Per tantissimi genitori, scoprire che il proprio figlio ha una malformazione al volto, significa cadere in un tunnel e doversi orientare in un mondo nuovo, spesso sconosciuto, dove ogni azione è finalizzata a proteggere e curare il proprio bambino.

In Italia, l’accesso alle cure è garantito dal sistema sanitario nazionale e i bambini vengono operati, negli ospedali, generalmente intorno ai 6 mesi o non appena le condizioni di salute lo permettono.

Ecco perché, non vedendolo, il problema sembra non esserci. Invece c’è!

Per tanti genitori trovare tutte le risposte alle loro domande e l’assistenza necessaria, per il proprio figlio, è, anche in Italia, spesso difficile: i bambini e le loro famiglie hanno bisogno di un unico punto di riferimento che possa seguire tutto il percorso di cure fino all’età dello sviluppo.

Forte di un’esperienza consolidata, con oltre 30 centri di cura nel mondo, Operation Smile sostiene l’approccio multispecialistico nella cura delle malformazioni al volto.

La Fondazione Operation Smile Italia Onlus ha avviato anche nel nostro Paese, grazie ad una collaborazione tra pubblico e privato, alcuni Centri di Cura multidisciplinari per il trattamento di patologie congenite cranio-maxillo-facciali, a Milano, Roma e Vicenza, denominate Smile House.

Alessia Frani, Domenico Scopelliti e Alessandro

I tre Centri sono poli strategici per lo svolgimento di attività di diagnosi prenatale, cura chirurgica e trattamento secondario delle malformazioni congenite cranio-maxillo-facciali.

Un Team multidisciplinare è un’esigenza imprescindibile per una diagnosi completa ed un piano di cure coordinato.

L’equipe è formata da specialisti: chirurghi, ortodontisti, logopedisti, otorinolaringoiatri, psicologi, in grado si seguire i pazienti dalla nascita all’età adulta.

Per aiutare i bambini che in Italia nascono con una malformazione al volto
Dona ora
Alessandro oggi con i suoi genitori

Il 20% dei casi sono riconducibili ad una predisposizione ereditaria (presenza di casi simili in famiglia) mentre, per il restante 80%, la schisi è sporadica e dovuta alla combinazione di fattori genetici (predisposizioni genetiche razziali), non evidenti, che interagiscono con fattori ambientali (fumo, alcol, obesità, stress, farmaci, infezioni virali e non) e agiscono negativamente nei primi due mesi di gravidanza, periodo in cui si compie la fusione delle strutture che formeranno il labbro e il palato.

Le schisi vengono distinte in tre gruppi principali: le forme isolate del labbro (labioschisi), le forme isolate del palato (palatoschisi), le forme interessano contemporaneamente il labbro e il palato (labiopalatoschisi), Le schisi possono essere inoltre monolaterali o bilaterali.

La LABIOSCHISI, nota comunemente come labbro leporino, è una malformazione congenita dovuta alla mancata saldatura delle parti che formano il labbro superiore del neonato e si può manifestare in forme più o meno gravi da un solo lato o bilateralmente, con conseguente malformazioni del labbro e del naso.

La PALATOSCHISI è una malformazione congenita del palato.
Si presenta come una divisione sulla linea di mezzo della parte anteriore del palato (duro) e della parte posteriore (palato molle).

La labioschisi può accompagnarsi alla palatoschisi (LABIOPALATOSCHISI).

La diagnosi prenatale di labiopalatoschisi, mediante ecografia morfologica, permette ai genitori di prendere coscienza del problema e di rivolgersi ad un centro di riferimento per il trattamento delle labiopalatoschisi. Le schisi isolate del palato sono diagnosticate solo alla nascita, perché non sono visibili all’ecografia prenatale.

Sì, problemi legati all’alimentazione, alla fonazione, problemi dentali, respiratori, dell’udito, estetici e psicologici.

Fondazione Operation Smile Italia Onlus

La Fondazione Operation Smile Italia Onlus fa parte di un’organizzazione internazionale formata da volontari medici, infermieri ed altri operatori sanitari che – dal 1982 – curano gratuitamente bambini e giovani adulti nati con malformazioni al volto, come il labbro leporino, la palatoschisi e la labiopalatoschisi.

Ecco come usiamo la tua donazione

  • 2000: Operation Smile nasce, in Italia, come Associazione con 10 medici volontari impegnati nelle missioni internazionali.
  • 2005: assume la veste giuridica di Fondazione con, circa, 25 medici volontari.
  • 2007: cura il primo paziente in Italia, inserito nel World Care Program.
  • 2011: inaugura il primo centro di cura in Italia «Smile House».
  • 2013: lancia il progetto «Un Mare di Sorrisi» in collaborazione con la Marina Militare Italiana.
  • 2017: ospita a Roma l’ISLC, l’International Student Leadership Conference.
  • Oggi: oltre 120 volontari medici ed operatori sanitari impegnati a livello internazionale e programmi di cura sul territorio.
Operation Smile nel mondo

*http://www.labiopalatoschisi.eu/pg.guida.scientifica.php